hiv

La maggior parte degli italiani ha sentito parlare di HIV. Altissima è la percezione di gravità della malattia: prima per gravità a tutte le infezioni (prima della meningite e dell’epatite), seconda solo al cancro fra le malattie (più grave di ictus e infarto). I rapporti sessuali non protetti sono ritenuti nel 90% dei casi la modalità più frequente di infezione. A fronte della percezione teorica di una buona parte di italiani (58%) di un rischio piuttosto serio di possibile contagio, ci si ritiene personalmente non a rischio: solo il 6% ritiene che ci possa essere un rischio personale, la percentuale aumenta solo al 12% fra i giovani 25-34 anni. Condivisa è la percezione che la malattia si possa prevenire, soprattutto evitando rapporti sessuali non protetti, anche se solo 1 italiano su 10 ritiene che le persone mettano in atto realmente comportamenti preventivi. Rispetto al passato si pensa che sia più difficile contrarre la malattia e più facile controllarla attraverso farmaci efficaci.

Nella rappresentazione del rischio si confermano gli stereotipi classici: si pensa prima di tutto ai tossicodipendenti, a chi ha relazioni promiscue e agli omosessuali. Residuale l’attribuzione del rischio agli eterosessuali. Interessante notare come chi ha esperienza diretta e prossimale della malattia e conosce persone affette dall’HIV tende a ridimensionare gli stereotipi e attribuisce maggiormente il rischio di infezione anche a giovani, single ed eterosessuali.

Forte il disagio e lo stigma sociale: 7 italiani su 10 dichiarano che si sentirebbero a disagio e preoccupati nel rapportarsi ad una persona con HIV. La paura e lo stigma si traducono in un atteggiamento difensivo e discriminante portando a pensare che i malati debbano essere obbligati a comunicare la malattia in ogni contesto e che le Aziende/datori di lavoro possano avere il diritto di richiedere il test ai propri dipendenti. Solo 1/3 degli italiani sostiene il diritto e la libertà di privacy dei malati.

Scarsissima l’informazione sociale sull’HIV: 9 italiani su 10 non ricordano di aver sentito recentemente parlare di HIV. L’attesa è per una comunicazione informativa veicolata da una pluralità di canali: prima di tutto le scuole e i mass media…ma anche medici e Internet.

L’indagine mette in evidenza la necessità e l’urgenza di iniziative di sensibilizzazione e comunicazione sociale sul problema dell’HIV:

  • che favoriscano una percezione adeguata del rischio e dell’importanza della messa in atto di comportamenti preventivi
  • e aiutino a ridurre la paura, la distanza, gli atteggiamenti difensivi e discriminanti, principali cause che portano a sottovalutare – in modo molto pericoloso - il rischio personale.

 

Comunicati Stampa GfK Eurisko

Calendario Ecm

Chi siamo

FeradoNel 2007, su iniziativa di giovani professionisti, provenienti dal settore del marketing e dell'organizzazione eventi, nasce Qiblì.
Leggi tutto

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email nella nostra mailing list per rimanere aggiornato sulle nostre attività.


Qiblì srl

V.le Gramsci, 138 - 74023, Grottaglie (Ta)
Email: info@qibli.it
PI: 02673960734
Vai all'inizio della pagina