L’ endometriosi, una malattia socialmente poco conosciuta ma dagli effetti devastanti. Definita “la malattia silenziosa”, silenzio che ha colpito 3 milioni di donne in Italia, circa una su otto e nella fascia di eta' 29-39 anni ne e' affetta addirittura una su due. Si parla di endometriosi quando un tessuto simile all’endometrio (tessuto che riveste la superficie interna dell’utero) si forma e cresce in una zona “anomala” cioè diversa dalla normale sede dell’utero (come ad esempio le ovaie, il peritoneo, i legamenti uterosacrali e il setto retto-vaginale).

Dolore ai rapporti sessuali, dolori lombari cronici, stitichezza alternata a diarrea, sciatalgia presente durante la fase mestruale, potrebbero essere tutti sintomi legati alla patologia endometriosica. Di frequente questi dolori vengono associati o attribuiti alla sindrome del colon irritabile o stress. La conoscenza della malattia è il primo passo del percorso di cura.

In Italia si stima un ritardo diagnostico dell'Endometriosi su una donna di 8 anni di media e proseguendo nelle zone del Sud Italia, aumenta, perché per motivi “culturali” ci si imbarazza a parlare di utero, mestruazioni, infertilità, rapporti sessuali dolorosi. Una corretta prevenzione e una pronta diagnosi fanno vivere meglio e prevengono la sterilità, diagnosticata nel 30-40% delle donne affette da endometriosi.

La proposta di legge in oggetto ha l’obiettivo di migliorare la tutela della salute e le condizioni di vita, individuali e sociali delle donne. Si intende quindi, promuovere la prevenzione e la diagnosi precoce dell’endometriosi, la conoscenza della patologia e dei suoi effetti in ambito sanitario, sociale e lavorativo, attraverso campagne informative e di sensibilizzazione sulle problematiche relative alla malattia.

L’endometriosi cambia la vita: il danno provocato dal ritardo dalla tardiva diagnosi, la sofferenza, la paura della sterilità, la solitudine nel ricercare una cura ma soprattutto uno specialista in grado di migliorare la loro qualità di vita. Questa notizia segna una tappa molto importante per tutte quelle donne che, loro malgrado, convivono con questa malattia.

Calendario Ecm

Chi siamo

FeradoNel 2007, su iniziativa di giovani professionisti, provenienti dal settore del marketing e dell'organizzazione eventi, nasce Qiblì.
Leggi tutto

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email nella nostra mailing list per rimanere aggiornato sulle nostre attività.


Qiblì srl

V.le Gramsci, 138 - 74023, Grottaglie (Ta)
Email: info@qibli.it
PI: 02673960734
Vai all'inizio della pagina